15M: Climate Strike, una riflessione francescana sul nuovo movimento global

“Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me.” (Lc 9, 48). Tutti conosciamo questa frase del Vangelo che la Chiesa di solito interpreta come la semplicità e il cuore puro dei bambini siano qualcosa di molto vicina e cara a Dio. Questo Vangelo echeggia ancor più forte di fronte alla mangiatoia del Gesù bambino durante le celebrazioni natalizie.

Greta Thunberg

Greta Thunberg

Ecco una bambina svedese. Il suo nome è Greta Thunberg. Lei ha 16 anni. Ha iniziato la sua protesta solitaria di “Sciopero della Scuola Per Il Clima” di fronte al parlamento svedese il 20 agosto 2018. Lo slogan della sua protesta del venerdì era “Perché studiare per un futuro che non potrei avere?”

Quanti politici avrebbero ascoltato la sua voce? Quanti amministratori delegati ceo delle corporazioni multinazionali darebbero loro orecchi e prenderebbero seriamente la sua semplice domanda? Tuttavia, sembra che i giovani del mondo abbiano ascoltato e accettato la sua voce arrabbiata ma onesta mentre la maggior parte degli adulti ha ignorato ed è stata indifferente al grido della Terra e alle grida dei poveri per il loro “Business-As-Usual (BAU, affari come al solito)”. Il 15 marzo 2019, dopo sette mesi da quando Greta ha iniziato la sua protesta solitaria, il suo grido è diventato una voce enorme di centinaia di migliaia di giovani provenienti da oltre 120 Paesi.

Ad Annapolis, negli Stati Uniti, i 12 postulanti delle sei province degli Stati Uniti e alcuni altri frati hanno partecipato a un evento organizzato dai Cattolici del Maryland per la Nostra Casa Comune e poi sono stati a una marcia ecologica insieme a molti civili. In Guatemala, i fratelli professi temporanei hanno partecipato allo sciopero globale sul clima, unendosi alla Cura della Casa Comune in modo impegnato con gli studenti dell’Università dei Gesuiti Rafael Landívar.

L’Ufficio GPIC di Roma anche ha partecipato alla manifestazione pubblica del movimento degli scioperi del clima nella Piazza Della Madonna di Loretto a Roma il 15 marzo. Circa 50.000 giovani si sono riuniti per la giustizia climatica chiedendo politiche coraggiose sul clima. Gli slogan erano “Solo una manciata di anni per evitare DISASTRO”, “Non stiamo difendendo la natura. Siamo natura noi stessi”, “Vogliamo il nostro futuro”, “La prossima inondazione non sarà Biblica” e “Cambia le politiche, Non il Clima”, ecc.

Gli adulti nella politica, nelle corporazioni internazionali e nelle religioni accetteranno ora la sua domanda e cambieranno la loro rotta dal futuro catastrofico dell’umanità e della civiltà? Possiamo noi francescani accogliere la voce del profeta del 21° secolo, Greta, come il messaggio del Signore crocifisso nella piccola cappella di San Damiano? Possiamo noi francescani confessare il peccato della nostra ignoranza e indifferenza alle sofferenze dell’ecosistema e impegnarci nella conversione ecologica? Se non lo facessimo o se non lo faremmo, dov’è il significato della nostra vita religiosa? Qual è il significato del Vangelo che proclamiamo?