Beatificazione di Fr. Tullio Maruzzo OFM e Luis Obdulio Arroyo Navarro, Martiri di Izabal

Il Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, Sua Eminenza Rev.ma Card. Giovanni Angelo Becciu, Rappresentante del Santo Padre, presiede il rito di beatificazione dei Venerabili Tullio Maruzzo, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori, e Luis Obdulio Arroyo Navarro, laico del Terz’Ordine di San Francesco d’Assisi e catechista, sabato 27 ottobre 2018 nella città di Morales, nel Vicariato Apostolico di Izabal (Guatemala).

Il martirio dei due nuovi beati si verificò nella località di Los Amates, Quiriguá, nel Vicariato Apostolico di Izabal – Guatemala la sera del 1 luglio 1981. Al termine di una intensa giornata di lavoro apostolico Padre Tullio si dispose ad assolvere il suo ultimo impegno presiedendo la riunione dei Cursillos de Cristianidad. Il catechista Luis Obdulio si offrì di accompagnarlo come autista. Entrambi erano coscienti di essere perseguitati per l’opera di evangelizzazione e di promozione umana svolta dalla Chiesa verso le classi più povere, ed avevano ricevuto in precedenza esplicite minacce. La predicazione della verità e della giustizia evangelica veniva considerata dal regima politico un’attività sovversiva. Sulla strada del ritorno l’auto in cui Padre Tullio e Luis Obdulio viaggiavano fu bloccata nei pressi di una piantagione di banane. I due furono fatti scendere a forza, assassinati a colpi di pistola e abbandonati al margine della strada.

Padre Tullio Maruzzo (Lapio- Italia 1929) era partito come missionario in Guatemala nel 1960. Apparteneva alla Provincia dei Frati Minori del Veneto. Svolse la sua azione pastorale nelle parrocchie di Puerto Barrios (I960-1963), Entre Rios-Abacà (1963-1968) Morales (1968-1980) e Quiriguá (1981) nel Vicariato Apostolico di Izabal. In questo territorio molto vasto, tra difficoltà di ogni genere, ampliò l’azione missionaria fino a raggiungere i villaggi più sperduti. Seppe unire al suo carattere calmo e paziente una profonda pietà e una premurosa carità verso i poveri e gli ammalati. Ebbe il dono di saper accogliere tutti, e di curare particolarmente la formazione dei catechisti zonali, i Delegados de la Palabra, per il servizio delle varie comunità.

Luis Obdulio Arroyo Navarroera nato a Quiriguá (Guatemala) nel 1950 da una modesta famiglia. Dopo aver svolto per un certo tempo il lavoro di meccanico a Puerto Barrios, accettò l’impiego di autista presso il municipio di Los Amates. All’età di ventisei anni aderì al Terz’Ordine Francescano, divenendo anche catechista. Più tardi, nell’approfondimento del proprio cammino di fede, partecipò al movimento Cursillos de Cristianidad,che Padre Tullio aveva introdotto nella parrocchia di Quiriguá. Fu un uomo mite e servizievole, che volentieri metteva il suo tempo e le sue capacità a servizio della comunità parrocchiale, fungendo gratuitamente da autista e prestandosi a lavori manuali nei quali era particolarmente capace.

La causa di beatificazione dei due martiri, promossa dalla Provincia Veneta dei Frati Minori, prese avvio nell’anno 2005. Il corpo di Padre Tullio e successivamente quello di Luis Obdulio furono traslati nella chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù di Quiriguá dove oggi vengono venerati come beati.