CTC No. 52 (03.2018)

Con vera gioia, e anche con un po’ di emozione, vi presentiamo il n. 52 dei quaderni cTc, che abbiamo voluto dedicare ai primi 50 anni dell’Ufficio Pro Monialibus, di cui il cTc stesso è ‘creatura’. In queste righe di apertura, che stavolta abbiamo preso in prestito dal Delegato generale, desideriamo esprimere la gratitudine nostra, in quanto redazione, e di tutte le sorelle ai Frati Minori che subito, concluso il Concilio Vaticano II, si premurarono di approntare ciò che realmente consentisse alle Monache del Secondo Ordine di procedere nella via del rinnovamento indicata dalla Chiesa con il decreto Perfectæ Caritatis.

Ora che si sta naturalmente assottigliando il gruppo dei fratelli e delle sorelle che potrebbero raccontare di prima mano quel tratto di storia tanto significativo, avvertiamo l’esigenza di aiutarci a non perdere la memoria, legame vitale con una storia che ci appartiene e a cui apparteniamo. Per questo siamo andate a “bussare” alla porta dei fratelli che ci hanno accompagnate in qualità di Delegati Pro Monialibus, domandando un ricordo, una testimonianza, un’eco del ministero fraterno da loro vissuto. E i fratelli si sono confermati solleciti e generosi, ancora una volta.

I primi tre Delegati, però, sono già deceduti; tuttavia non potevamo non raccogliere qualcosa dell’esperienza proprio di coloro che hanno spianato la strada, aprendola, perché anche noi vi camminassimo! Prezioso l’aiuto, per questo, di sr. Chiara Agnese Acquadro, abbadessa del Protomonastero Santa Chiara, Assisi, che pazientemente ha ricercato i testi utili nei numeri del foglio di collegamento Pro Monialibus e inviandoli a noi in copia: da essi abbiamo stralciato ciò che mancava per completare il mosaico della feconda cura e sollecitudine della Curia OFM verso di noi.

L’Ufficio Pro Monialibus appena istituito accompagnò il lavoro della Commissione ad hoc formata da sorelle provenienti da diverse parti del mondo, incaricata dello spoglio e della catalogazione delle risposte inviate dai monasteri in vista della redazione delle nuove Costituzioni Generali. La notizia, ricevuta dalla Presidente della Federazione inglese, che sono ancora viventi due sorelle membri di tale Commissione ci ha messe in movimento per cercare un contatto con loro e, possibilmente, ricevere la testimonianza di quell’esperienza unica, senza dubbio pionieristica, di collaborazione “inter-clariana”.

Gli scritti di sr. Mary Francis e sr. Marie-Claire chiudono il quaderno: sono un dono prezioso che ci fa sentire parte di una Tradizione feconda, capace di dar forma, nel presente di ogni epoca, al “santo operare” dello Spirito del Signore.

Le sorelle della redazione

Download PDF – CTC No. 52 (03.2018)

Español – Français – English – ItalianoDeutsch