CTC No. 59 (06.2022)

Vi presentiamo questo n. 59 di Comunione e comunicazione mentre il tempo della Pasqua sta giungendo alla pienezza. Dal giorno della Pentecoste, i discepoli di Gesù, che si erano dispersi alla sua morte, cominciarono a imparare a camminare insieme, guidati dallo Spirito Santo che è il Signore della comunione.

I testi che seguono sono racconti di esperienze federali, comunitarie, personali, che possono trovare una chiave di lettura comune nel dinamismo del cammino condiviso.

Noi sorelle clarisse, che viviamo la risposta all’amore del Padre nel contesto del monastero, seguiamo il Figlio di Dio che per noi si è fatto Via: fr. Fábio ce lo ricorda nella sua riflessione su Chiara, donna sinodale. In Chiara, la metafora del cammino e anche della corsa è frequente, come sappiamo: un paradosso solo apparente ed estremamente fecondo.

Facciamo il cammino insieme a tante persone. Dai quattro angoli del mondo, le sorelle ci presentano in queste pagine alcuni dei loro compagni di viaggio: sono le sorelle stesse – del monastero, della federazione, dei monasteri da rivitalizzare –, è la Chiesa locale in cui i monasteri sono inseriti, oppure sono donne appartenenti ad altre Chiese e comunità cristiane, ed è la gente dei luoghi in cui si stanno radicando nuove fondazioni.

È nostro compagno di viaggio anche chi ha percorso la Via prima di noi. Le sorelle di Camerino ci parlano dell’incontro particolare che stanno vivendo con Camilla Battista da Varano, il cui corpo è affidato alla loro custodia.

Ancora, ci sono compagni di viaggio che, consapevolmente o meno, ci hanno orientato nel cammino, aiutandoci a comprendere che quella delle Sorelle Povere era la Via per noi: da Mbarara (Uganda), riceviamo una testimonianza in questo senso.

Continuiamo a camminare insieme, dunque, anche per mezzo delle pagine del cTc!

Buona lettura.

 

Italiano – English – Français  – Español

Le sorelle della redazione