Si è tenuto in Corea l’Incontro della Conferenza Est Asiatica

L’Assemblea Generale della Conferenza dell’Asia orientale si è tenuta nei giorni 6-10 dicembre 2015 presso la Casa Provinciale della Provincia dei Santi Martiri Coreani in Seul, Corea del Sud. Hanno partecipato: i Ministri provinciali, i Custodi, i Presidenti della Federazione con i Segretari per la Formazione e Studi, le Missioni ed l’Evangelizzazione e i Coordinatori per la Giustizia, Pace e Integrità del Creato (GPIC) di ciascuna Entità. Il tema scelto dall’Assemblea è stato il titolo del Documento del Capitolo generale 2015: “Verso le periferie con la gioia del Vangelo”.

Il Ministro generale Fr. Michael Anthony Perry, OFM è stato rappresentato nella riunione da Fr. Lino Gregorio V. Redoblado, Definitore generale per l’Asia, Australia e l’Oceania, che ha letto anche il messaggio del Ministro generale. In esso il Ministro ha incoraggiato tutti a raccogliere le sfide poste nel Documento, sottolineando l’importanza di sviluppare un’identità francescana nel mondo di oggi. «Se non ci impegniamo in un rinnovamento della vita – ha detto nel messaggio –, assumendo un chiaro impegno per condividere la nostra vita con quella dei poveri e degli emarginati, e intraprendendo una riforma nel modo in cui usiamo i beni della terra, temo che la vita dell’Ordine potrebbe cominciare ad andare alla deriva».

La prima parte dell’Assemblea si è concentrata sullo studio del Documento capitolare attraverso una sintesi presentata da Fr. Lino Gregorio Redoblado. Nella presentazione ha sottolineato la vocazione di essere Fratres et minores in nostra Aetate, con l’incarico di «andare verso le periferie con la gioia del Vangelo». Di fronte ai molti cambiamenti radicali che il mondo e l’Ordine stanno vivendo, ha chiesto a tutti i Frati di lasciarsi ispirare dalle quattro Icone bibliche presentate dal Capitolo generale. Nella dichiarazione finale l’Assemblea ha presentato una sintesi della sua condivisione e riflessione: «Di fronte alle molte tempeste, in particolare quella che ha colpito la Curia dell’Ordine, con implicazioni per i bisognosi delle Entità dell’EAC , Gesù ci invita a “mantenere la nostra fiducia in Dio”. Nelle esperienze di oggi di esilio, siamo chiamati a riscoprire “l’importanza di avere un cuore nuovo e uno spirito nuovo”. Nelle molteplici forme della nostra cecità, ci viene chiesto di “mettere da parte il vecchio mantello della sicurezza”. Come il figlio di Abramo e Sara, siamo chiamati “a diventare un sorriso di Dio” nelle nostre culture e religioni dell’Asia orientale».

Successivamente, l’Assemblea si è suddivisa in quattro gruppi per riflettere sulle sfide poste dal Documento e per elaborare proposte concrete, da attuarsi in ciascuna delle Entità e nella Conferenza dell’Asia orientale.
Sempre nel corso della riunione, Fr. Carolo Myeong Hwan Ho, Ministro provinciale della Corea del Sud, è stato eletto nuovo Presidente della Conferenza dell’Asia orientale. Inoltre, Fr. Ignazio Nguyen Duy Lam, Ministro provinciale del Vietnam, è stato eletto Vice Presidente. La Conferenza ha inoltre confermato la nomina di Fr. Cristino Pine a Segretario EAC per la Formazione e gli Studi e Fr. Oscar Ante, OFM, Segretario EAC per le Missioni e l’Evangelizzazione. Fr. Rufino Lim, Corea del Sud, è stato eletto Coordinatore dell’EAC per GPIC, mentre Fr. Dexter Toledo, Provincia delle Filippine, è stato nominato Segretario dell’EAC.

La riunione ha anche incluso un giro turistico in alcuni luoghi di Seoul, come il Museo Nazionale della Corea e il Palazzo di Changdeokgung. I partecipanti all’Assemblea hanno anche visitato la Casa di formazione del post-noviziato.