Elezione del Ministro Generale all’OFS

Dal 13 al 21 Novembre si svolge a Roma il XVI Capitolo Generale dell’Ordine Francescano Secolare. Il 17 Novembre, presente Fra Massimo Fusarelli Ministro Generale OFM, è stato eletto, per i prossimi sei anni, il nuovo Governo OFS da parte dei 57 Capitolari.

Durante la celebrazione della Santa Messa, Fra Massimo ha iniziato la sua omelia dicendo che “la preghiera di colletta, che ha aperto la nostra celebrazione, ci ha fatto chiedere la grazia di riconoscere Cristo nei poveri e bisognosi: poter riconoscere è un dono che proviene da Dio, come San Francesco dice nel Testamento: il Signore concesse a me…” e  ha aggiunto che il grido del Vangelo del giorno della festa di Sant’Elisabetta fa ricordare ai Capitolari che  “l’essere benedetto significa ricevere una grazia, tra le altre anche quella di poter riconoscere Cristo nei bisognosi”.

A conclusione dell’omelia, Fra Massimo ha invitato i Capitolari ad essere appassionati di Cristo, amare la realtà, ascoltare la voce di Dio e “lasciarsi trasformare dalla presenza del Signore….. nell’ascolto orante della parola di Dio: è qui che possiamo essere gradualmente trasformati dalla forza dello Spirito per diventare operosi e instancabili nella carità”.

Per i prossimi sei anni i capitolari hanno eletto Tibor Kauser, Ungheria, e Mary Stronach, Stati Uniti, nel servizio rispettivamente di Ministro Generale e Vice-Ministra generale. Insieme a loro sono stati eletti i Consiglieri di presidenza: per l’area di Asia-Oceania Francis Park, per  l’Africa francofona e isole Adolph Assagba, per l’Africa inglese e portoghese Eremenciana Chinyama,  per il Nord Europa Dina Shabalina, per il Sud Europa e Mediterraneo Noemi Paola Riccardi,   per il Nord e centro America Ana Maria Raffo, per il Sud America Noemí Diana Silvia e per la  Gifra Luis Feliz Chocojay.

Con il tema del Capitolo Generale “animare e guidare con una leadership di servizio”, il nuovo Ministro e il suo Consiglio si impegnano nella missione di animare la grande Fraternità francescana secolare nel mondo vivendo “nel mondo il Vangelo nello stile del Poverello, sine glossa e assumendo il Vangelo come forma e regola di vita”, secondo quanto ha esortato Papa Francesco nel ricevere tutti i Capitolari in udienza il 15 novembre 2021.