Frati Francescani Lituani Organizzano una Straordinaria Spedizione in Siberia

I Francescani Lituani hanno organizzato una spedizione straordinaria in Siberia (Federazione Russa) dal 13 al 25 agosto 2017. Un gruppo di 12 persone ha viaggiato nella terra della tundra dove migliaia di Lituani sono stati esiliati e imprigionati durante il regime Sovietico. Le croci trovate sulle tombe erano quelle che sono fiorite in questa terra di gelo e neve eterna negli anni ’50 e ’60.

L’obiettivo principale di questo viaggio era quello di onorare e ricordare Fr. Augustinas Dirvele OFM, catturato dai Sovietici dopo l’occupazione della Lituania. Fr. Augustinas, con molti intellettuali, scienziati e sacerdoti, fu condannato e portato in questa terra dei Gulag, dove è morto come martire della fede.

Nato nel 1901, Fr. Augustinas è stata una delle persone più influenti di Kretinga durante il periodo inter-guerra. Ha fondato la Scuola Superiore di Sant’Antonio, ha costruito una grotta di Lourdes in onore della Madonna di Kretinga, ha istituito un ufficio stampa francescano e ha servito come Ministro provinciale della Provincia di Casimir in Lituania dal 1936 al 1939. Fr. Augustinas ha fondato anche la Congregazione delle Suore di San Francesco di Nostra Signora del Perpetuo Aiuto per aiutare i frati nelle loro missioni. E’ stato un famoso predicatore e missionario.

Fr. Augustinas fu arrestato il 12 luglio 1940 mentre cercava di attraversare il confine con l’URSS-Germania. Fu poi condannato a otto anni di carcere e ha lavorato nel Gulag di Kosju (regione di Pechora). Come è morto non è chiaro. Alcuni testimoni dicono che è scappato dal gulag e scomparso. Si può anche pensare che sia morto in Taiga o forse sbranato dagli orsi. La spedizione del mese di agosto del 2017 ha avuto lo scopo di costruire una croce in ricordo di Fr. Augustinas Dirvele OFM.

Il gruppo era composto dal Ministro Provinciale Fr. Algirdas Malakauskis, Vicario Provinciale Fr. Andrius Nenenas, Direttore del Gymnasium francescano, Fr. Alvydas Virbalis, e altri rappresentanti del Ginnasio, Sr. Grazina Dapsauskyte della Congregazione delle Suore di S. Francesco di Nostra Signora del Perpetuo Aiuto, Monika Midveryte, Coordinatrice delle Comunicazioni e molti altri laici.

I viaggiatori hanno volato fino  a Mosca e poi preso un treno a nord da Mosca a Vorkuta. La loro prima tappa è stata nella città Pechora, dove è stata fatta una croce di metallo per Fr. Augustinas Dirvele. Il giorno successivo è stato il giorno più importante della spedizione. Il gruppo si è recato più a nord e ha raggiunto il villaggio di Kosju, dove Fr. Augustinas fu esiliato. Hanno esplorato i dintorni di Kosju e alla fine hanno deciso di costruire una croce in un vecchio cimitero di prigionieri. Dopo la costruzione della croce, il gruppo ha celebrato la Santa Messa e ha pregato per tutte le vittime del regime Sovietico e per tutti i cittadini della Russia. Durante l’omelia, i Frati hanno ricordato Fr. Augustinas, che è rimasto fedele alla sua vocazione francescana fino alla fine: consolava e incoraggiava i detenuti, ascoltando le confessioni e celebrando la Messa. Fr. Augustinas ha accettato la sofferenza come parte inseparabile della vocazione Francescana e della vita umana.