Il Venerdì Santo torna la Colletta pro Terra Sancta

“Anche quest’anno il Venerdì Santo, ricordatevi di noi, dei vostri fratelli e delle vostre sorelle che vivono in Terra Santa. Aiutateci secondo la generosità del vostro cuore, ricordando le parole del Signore Gesù: c’è più gioia nel dare che nel ricevere (At 20.35)”. Sono le parole di Fr. Francesco Patton, ofm, Custode di Terra Santa, a pochi giorni dalla Colletta pro Terra Sancta, che si tiene tradizionalmente il Venerdì Santo. La Custodia di Terra Santa, attraverso la Colletta, può sostenere e portare avanti l’importante missione a cui è chiamata: custodire i Luoghi Santi, le pietre della Memoria, e sostenere la presenza cristiana, le pietre vive di Terra Santa, attraverso tante attività di solidarietà.

Il Custode di Terra Santa, Fr. Francesco Patton, spiega perché sarà importante donare

“In una situazione senza precedenti come quella degli ultimi due anni, noi francescani della Custodia di Terra Santa abbiamo cercato di continuare la nostra missione: nei santuari senza pellegrini, abbiamo intensificato la preghiera, dando voce al grido di tutta l’umanità. Nelle Parrocchie abbiamo continuato a celebrare e a stare accanto alle persone, ai fedeli locali, ai lavoratori migranti e ai rifugiati. Nelle scuole abbiamo cercato di educare alla fraternità e alla speranza. Nei centri di studio abbiamo accolto e formato giovani frati, ma anche sacerdoti, religiosi e religiose, laici e laiche provenienti da tutto il mondo. Con difficoltà ci siamo sforzati di sostenere materialmente, le comunità più deboli: la comunità di Betlemme e quella di Gerusalemme, senza più pellegrini e senza lavoro; le comunità del Libano, disastrato da una crisi economica e politica sempre più incancrenita; quelle della Siria, prigioniera di una guerra che sembra non finire”.

A cosa serviranno le donazioni raccolte con la Colletta pro Terra Sancta? A rispondere è Fr. Ramzi Sidawi, ofm, economo della Custodia di Terra Santa: “Abbiamo 15 scuole della Custodia per i poveri e la gente locale. Un’altra opera sociale sono le case che offriamo ad un affitto bassissimo a chi si trova più in difficoltà. La Custodia ha almeno 1000 persone impiegate nelle diverse attività. La colletta del Venerdì Santo è la risorsa principale della Custodia di Terra Santa e con essa copriamo almeno il 70% delle spese: le opere della custodia, il mantenimento dei santuari e le opere sociali”.

La Colletta “pro Terra Santa” che si tiene ogni anno nel giorno del Venerdì Santo, può essere un gesto di vicinanza e consolazione per i cristiani che abitano quei luoghi. È il messaggio al centro della Lettera diffusa dal Dicastero per le Chiese Orientali. Leggi qui.

(Grazie al Christian Media Center)