Incontro Continentale GPIC – Europa

Malta, 2-5 settembre 2019 – “Vivendo l’umanesimo francescano nel contesto europeo di oggi: Va’ e ripara la mia casa” è stato il tema del VII Incontro Continentale degli Animatori GPIC d’Europa.

Nella casa di ritiro “Porziuncola” a Malta, si sono incontrati circa 25 fratelli che lavorano nell’animazione dei valori di Giustizia, Pace e Integrità della Creazione (GIPC) nel continente europeo. L’incontro è iniziato con la celebrazione eucaristica, presieduta da Fr. Richar Stanley Grech, OFM, Ministro Provinciale della Provincia di San Paolo a Malta.

Gli animatori GPIC, arrivati da Spagna, Irlanda, Inghilterra, Francia, Austria, Italia, Polonia, Lituania, Slovenia, Croazia, Bosnia-Herzegovina e i nostri ospiti: Malta; ci hanno presentato le diverse realtà… Attraverso le relazioni delle Conferenze abbiamo potuto apprezzare come gli animatori GPIC mettono in pratica le priorità dell’Ufficio GPIC della Curia… Abbiamo constatato un profondo lavoro riguardo alla cura del creato, l’accoglienza dei migranti e la promozione della pace.

Dopo aver condiviso il lavoro GPIC nelle Conferenze, abbiamo ascoltato la presentazione di Andrej Owca, SVD, residente a Ginevra, membro della ONG VIVAT International, che ha parlato dell’attuale contesto politico-sociale europeo. Il concetto di “Umanesimo Francescano” è stato presentato da Fr. José Antonio Merino, OFM, dottore in Filosofia e Lettere, che ha presentato il tema tramite le relazioni: “Umanesimo francescano per una cultura dell’amore” e “Umanesimo francescano ed ecologia”.

Abbiamo completato i momenti di formazione con due esperienze pratiche offerte dalla Commissione GPIC della Provincia di San Paolo a Malta: la visita al “John XXIII Peace Lab”, organizzazione che cerca di promuovere la solidarietà ed i valori morali radicati nella fede cristiana, anche senza escludere nessun’altra idea o persona. Abbiamo partecipato anche all’evento inaugurale del “Tempo per la Creazione”, organizzato dalla Commissione inter-diocesana per l’ambiente.

Durante gli ultimi giorni dell’Incontro Continentale GPIC, gli animatori hanno lavorato nei gruppi linguistici per progettare il lavoro GPIC per i prossimi tre anni, alla luce di quanto proposto dal Consiglio Plenario dell’Ordine e la Dichiarazione del Consiglio Internazionale GPIC di Gerusalemme 2019