Insieme contro la tratta di persone

L’8 febbraio si celebra la Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta delle Persone fin dal 2015 indetta da Papa Francesco. Il giorno 8 si ricorda anche la memoria di Santa Giuseppina Bakhita, religiosa di origine sudanese che durante la sua vita fu vittima di schiavitù. La Giornata è promossa in tutto il mondo, principalmente da Talitha Kum, la Rete internazionale della Vita Religiosa contro la tratta di persone, attraverso il Comitato Internazionale.

Quest’anno, varie attività sono state svolte in tutto il mondo, pregando e riflettendo, per sensibilizzare su questo problema che colpisce principalmente donne, ragazze e ragazzi. Il motto scelto per la Giornata del 2019 è : “Insieme Contro la Tratta”. Proprio poiché è un problema al quale nessuno può essere indifferente, né può essere affrontato da un solo sguardo, abbiamo bisogno di azioni congiunte.

A Roma, sono state svolte due attività pubbliche. Lo stesso giorno della memoria liturgica di S. Giuseppina Bakhita, ci siamo riuniti per pregare insieme alla veglia di preghiera dal tema “accendi una luce contro la tratta delle persone”. Circa 500 persone, per lo più religiose, si sono riunite nella Basilica di Sant’Antonio (Antonianum). Si è unito anche un gruppo di religiose che ha concluso il Corso di formazione per leader di reti contro la tratta delle persone, offerto dal Talitha Kum in collaborazione con la Pontificia Università Antonianum.

Domenica 10 è stata fatta una marcia da Castel Sant’Angelo verso la Piazza San Pietro. Durante la marcia questa importante tematica della tratta delle persone è stata condivisa con le persone che in quel momento stavano andando in piazza per partecipare alla preghiera dell’Angelus. Alle 12.00 Papa Francesco ha pregato l’Angelus e ha rivolto parole di ringraziamento a coloro che lavorano contro la tratta, in particolare verso le religiose. Allo stesso tempo, il Papa ha esortato i Governi: “Faccio un appello speciale ai Governi perché affrontino con determinazione le cause di questa piaga e proteggano le vittime…”. Alla fine, ha invitato tutti a pregare per l’intercessione di Santa Giuseppina Bakhita.

Fr. Jaime Campos F., OFM
Ufficio GPIC – Roma