“Karibuni Africa” – Il CPO 2018 inizia

Nel magnifico giardino della Casa di Spiritualità delle suore della Comunità di Dimesse en Nairobi, Kenya, il suono dei tamburi africani comincia a farsi sentire. Sono le 3.00 di pomeriggio, ora dell’inizio della Liturgia d’apertura del Consiglio Plenario dell’Ordine dei Frati Minori. Guidati dal ritmo dei tamburi e dei canti, i partecipanti si avviano in processione alla sala principale della casa, dove la Liturgia si conclude poco dopo.

Nel suo discorso di benvenuto, fra Michael A. Perry, ha incoraggiato i frati a tornare al loro primo amore. Le sue parole si sono ispirate al libro dell’Apocalisse:

“Sei costante e hai molto sopportato per il mio nome, senza stancarti.  Ho però da rimproverarti che hai abbandonato il tuo amore di prima. 5 Ricorda dunque da dove sei caduto, ravvediti e compi le opere di prima. Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”. (Ap. 2, 2-5. 7).

 

Successivamente, fra Carmelo Giannone, Ministro Provinciale di Africa dell’Est e anfitrione del CPO, ha preso la parola per ringraziare tutti coloro che hanno fatto possibile che questo incontro si svolgesse nel continente africano. Dopo aver parlato brevemente sulla storia della presenza francescana in Africa, ha condiviso il processo di crescita che ha avuto l’entità, non solo numericamente ma soprattutto nella qualità di vita fraterna. Ha concluso il suo discorso dando nuovamente il benvenuto a tutti i fratelli presenti utilizzando diverse lingue parlate in Africa. In Kenya, si dice in lingua Swahili “Karibuni Africa” o “benvenuto tu sia”.

Il Consiglio Plenario del 2018 è cominciato con una singolare nota di gioia e di energia.