La Gioventù Francescana dell’India si impegna ad essere strumento di pace

“Noi, Giovani Francescani, ci impegniamo ad essere strumenti di pace nelle nostre famiglie, nelle parrocchie e nella società” – così hanno giurato più di trecento giovani provenienti dai diversi stati dell’India, in occasione dell’Incontro della Gioventù Francescana (FRAYME) 2020, che si è svolto nella Parrocchia di S. Sebastiano a Chennai, dal 31 gennaio al 2 febbraio 2020.

Questa è una nuova iniziativa del Segretariato per l’Evangelizzazione e la Missione OFM dell’India, per promuovere i valori francescani e motivare una partecipazione attiva nella vita parrocchiale da parte dei giovani appartenenti alle parrocchie francescane dell’India.

L’evento si è aperto con una processione del Crocifisso di S. Damiano, in un clima di intensa preghiera. Il 1° febbraio, i giovani si sono riuniti in chiesa per un momento di “Lode e Adorazione”, seguito da vari interventi sul ruolo dei giovani nella Chiesa oggi.

Inoltre, i partecipanti hanno marciato per tre chilometri con le candele accese e dei manifesti in cui chiedevano la pace, cantando in diverse lingue di essere strumenti di pace. La vista di più di trecento giovani della Gifra e di molti altri hanno dato a coloro che li osservavano l’opportunità di conoscere di più S. Francesco e interrogarsi sulla necessità della pace.

Durante la celebrazione della Giornata per la Vita Consacrata il 2 febbraio, don Vincent Chinnadurai, Vicario Episcopale per la Vita Consacrata dell’Arcidiocesi di Chennai ha espresso la sua gioia verso il FRAYME 2020.

Fr. Simon, OFM, sacerdote ospitante, ricordando la gioia, l’energia e la vivace atmosfera della tre giorni del FRAYME 2020, ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile l’evento.