Partecipazione francescana alla COP24

La 24ª Conferenza delle Parti (COP) organizzata dalla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) si è tenuta a Katowice, in Polonia, dal 3 al 14 dicembre 2019. Oltre 30.000 delegati (dei governi delle Parti e della società civile) si sono riuniti per discutere, negoziare e decidere molte questioni riguardanti la crisi climatica globale e ratificare il Regolamento di Parigi. La sede della COP24 è significativa per Just Transition (modello di cambiamento di sistema economico dei combustibili fossili alle energie rinnovabili) perché la città ha una lunga storia di estrazione del carbone ed è stata colpita dalle sue emissioni eccessive di carbonio.

L’ufficio generale di GPIC ha organizzato alcuni eventi sulla giustizia climatica durante la COP24. La prima è stata la Conferenza francescana sul cambiamento climatico e la COP24 che si è tenuta dal 22 al 23 novembre nella sala parrocchiale della chiesa di San Ludwik Król, la parrocchia francescana di Panewniki. Il tema era “Cosa sta succedendo nella nostra casa comune?” I relatori principali erano Fr. Jacek Orzechowski, OFM, membro del Comitato d’Animazione di GPIC, e una scienziata polacca, prof.ssa Aleksandra Kadras, Ph.D. Un buon numero di frati e parrocchiani hanno partecipato per ascoltare la presentazione dei fatti scientifici del cambiamento climatico e le prospettive cristiane / francescane su questa crisi globale. Questo evento ha aiutato i partecipanti a essere consapevoli della gravità del problema e dell’urgenza dell’azione per il clima.

Il 2 dicembre, i delegati francescani composti da quattro membri del Comitato di animazione e cinque coordinatori di GPIC delle Conferenze europee hanno partecipato al “Dialogo interreligioso di Talonoa.” Hanno condiviso e discusso su vari temi della giustizia climatica e l’urgente necessità di cambiare il nostro stile di vita insieme con più di 100 persone di diverse tradizioni religiose / spirituali. Questo evento è stato seguito dal servizio di preghiera interreligioso / ecumenico per Madre Terra e per i poveri.

Il 3 dicembre si è tenuta la conferenza sul clima francescano sul tema “Crisi climatica e il ruolo delle comunità basate sulla fede per la giustizia climatica.” L’ufficio generale di GPIC ha organizzato l’evento e invitato nove relatori provenienti dalle comunità religiose e la società civile, ad es “Gli Amici della Terra Internazionale.” Dalle loro presentazioni e discussioni è emerso chiaramente che non era rimasto molto tempo per l’umanità per evitare la catastrofe climatica e modificare il sistema economico / politico che ha causato questo disastro planetario. Anche se lo status quo dell’azione per il clima non è così promettente e anche per questo, il ruolo delle comunità religiose sta diventando più cruciale con un maggiore senso di responsabilità. Soprattutto quando lo sforzo intergovernativo di prendere cura dei poveri e la creazione diventa così lento e riluttante, le comunità di fede dovrebbero elevare la loro voce profetica per la giustizia climatica insieme ad azioni concrete.

L’evento finale è stata la veglia di preghiera per la creazione nella nostra parrocchia francescana la sera del 5 dicembre. Fr. Jacek ha organizzato l’evento con l’aiuto di molti frati e parrocchiani locali. È stato un bel momento in cui i partecipanti hanno realizzato, confessato e pregato per la loro responsabilità ecologica, che è compito dei francescani nel mondo.