Ritorna al tuo primo amore – CPO La seconda settimana inizia con la Lectio Divina

La seconda fase del Consiglio Plenario dell’Ordine si è concentrata sul discernimento. Il clima di Nairobi fresco e nebbioso ha fornito lo sfondo perfetto per Lectio Divinaodierna, una lettura meditativa delle Scritture.

Fra Isauro Covili, OFM, uno dei moderatori, ha spiegato che la Lectio Divina è stata programmata in risposta alla richiesta dei partecipanti, che hanno sollecitato di aprire la seconda fase del CPO con una sessione più contemplativa. Ciò, ha permesso ai membri del Consiglio di assumere una posizione riflessiva rispetto alle questioni che si affronteranno nella seconda settimana. Questioni che porteranno alla formulazione di linee guida e daranno una chiara direzione per i prossimi tre anni di vita dell’Ordine.

Fra Juan Isidro Aldana, OFM, ha diretto la Lectio Divina prendendo spunto di un passaggio dal libro di Apocalisse 2, 1-7, testo fondamentale dell’attuale CPO. Nel suo contributo, che è stato molto apprezzato, ha esortato i frati di tornare a quel momento in cui si sono “innamorati” di Gesù e hanno deciso di seguirlo nel modo di vivere francescano.

Fra Juan, successivamente, ha posto alcune domande ai fratelli da rispondere durante il lungo periodo di silenzio e riflessione individuale, dopodiché hanno celebrato l’Eucaristia in gruppi linguistici. Queste domande erano basate sull’introspezione, guardando al passato con gratitudine, per vivere il presente con passione e lanciarsi al futuro con speranza. Tra le diverse domande, ai frati è stato chiesto se gli attuali ministeri dell’Ordine riflettono ancora la nostra passione e il desiderio di servire le persone condividendo le loro gioie e i loro dolori. Come guardare al futuro con speranza, viste le difficoltà che affliggono la vita religiosa? Alcuni dei diversi problemi che minacciano la nostra speranza sono: la diminuzione delle vocazioni e l’aumento dell’età media, problemi finanziari, relativismo e una sensazione di isolamento.

I fratelli si sono sentiti rinvigoriti da questa mattina impegnativa e dall’intenso momento di contemplazione individuale e condivisione della preghiera che ha seguito. Momenti nei quali lo Spirito Santo si è manifestato particolarmente presente nell’assemblea.