Serata culturale Laudato si’ – Una notte in lode della creazione di Dio

Il 23 marzo 2018 si è tenuto un evento culturale per evidenziare l’enciclica Laudato Si’. La basilica di Sant’Antonio in Laterano fu traboccante di fratelli e sorelle della famiglia francescana che si riunirono per lodare il loro Creatore. È stata una notte di musica meravigliosa e era caratterizzata dell’esposizione di una bella icona di San Francesco e Santa Chiara che è stata portata nel pellegrinaggio in 18 paesi dell’America Latina l’anno scorso.

Il pubblico ha incluso ambasciatori e rappresentanti delle ambasciate presso la Santa Sede, i rettori dell’università Antonianum e Urbaniana, i superiori generali di una decina di congregazioni delle suore francescane e i rappresentanti dei cappuccini, conventuali, salesiani, domenicani e benedettini

Sono stati trattati con spettacoli musicali di tre artisti, tra cui il nostro fratello Fr. Alessandro Brustenghi, OFM, che fa parte della fraternità della Porziuncola – la sua vocazione lo ha fatto sviluppare il suo talento musicale, diventare un tenore riconosciuto a livello internazionale e firmare un contratto con Decca Records con cui ha registrato tre CD: “Voice from Assisi”, “Voice of Joy” e “Voice of Peace.” Il pubblico ha anche ascoltato il Maestro Eugenio Fagiani, considerato uno dei migliori organisti in Italia ed internazionalmente conosciuto. Infine, il famoso Piccolo Coro “Mariele Ventre,” con sede all’Antonianum di Bologna, ha ricevuto una risposta molto calorosa. Questo coro di bambini è stato fondato più di 60 anni fa e ora è tra i più famosi al mondo, avendo cantato in numerosi concerti con i musicisti più famosi a livello nazionale e internazionale.

Alla fine della serata, Fr. Michel Perry, il ministro generale, si è rivolto al pubblico. Usando i pensieri e le parole del Cantico delle Creature, ha parlato dei gravi pericoli che minacciano la nostra casa comune e ha esortato tutti i presenti a un impegno ancora maggiore per la sua protezione e cura. Ha sottolineato che dobbiamo riscoprire la verità che tutto viene come dono di Dio – il motivo del profitto non è sufficiente per una vita autenticamente umana. In un mondo in cui tutto, persino il gioco, è diventato mercificato, dobbiamo credere che sebbene la poesia, la canzone e la bellezza non siano “utili” nel senso comune, non possiamo vivere senza di loro. Riflettendo sulla vita di San Francesco, Fr. Michael ha detto che il Dio di Francesco è un Dio sofferente – un Dio che condivide la sofferenza di essere umano, e che ha dato a tutta la Creazione una dignità intrinseca. Questo è il Dio della tenerezza a cui l’anima poetica di San Francesco ha risposto nel Cantico: Laudate e benedicete mi’ Signore et rengraziate e serviateli cum grande humilitate.

Video del concerto: