Solidarietà del Papa per il popolo ucraino. E’ ucraino il frate francescano, speaker all’Udienza Generale.

“E questo frate francescano, fa lo speaker adesso, in polacco: ma lui è ucraino”. Sono state queste le parole che Papa Francesco ha indirizzato a Fra Marko Gongalo, OFM, davanti ai pellegrini presenti all’Aula Paolo VI per l’Udienza Generale del 2 Marzo, in Vaticano.

La presenza di uno speaker ucraino è stata per Papa Francesco l’occasione per esprimere la sua vicinanza all’intero popolo ucraino, costretto a nascondersi nei rifugi dai bombardamenti.

E i suoi genitori sono in questo momento nei rifugi sottoterra, per difendersi dalle bombe, in un posto vicino a Kiev. E lui continua a fare il suo dovere qui, con noi. Accompagnando lui accompagniamo tutto il popolo che sta soffrendo dei bombardamenti, i suoi genitori anziani e tanti anziani che sono nei sottoterra per difendersi. Portiamo nel cuore il ricordo di questo popolo”. Ha aggiunto il Pontefice e, rivolgendosi a Fra Marko: “grazie a te per continuare nel tuo lavoro”.

Fra Marko Gongalo, della Provincia Francescana di San Michele Arcangelo in Ucraina, è nato a Zhytomyr, Diocesi di Kyiv-Zhytomyr. E’ sacerdote dal 2011.