Resoconto Commissione Liturgica 2016

Nei giorni 31 maggio-1 giugno 2016 si è riunita a Roma, presso la Curia Generale la Commissione liturgica OFM, presieduta da Fr. Sandro Overend, e composta da Fr. Alberto Beckhäuser, Fr. Francisco Fresneda e Fr. Ferdinando Campana, con la presenza di fr. Carlo Benigni, che ha curato la redazione grafica. La Commissione è stata istituita dal Definitorio Generale nel 2010 ed ha lavorato in questi anni per la prima parte di un progetto che nel suo insieme prevede 1. la Redazione del Messale Francescano, del relativo Lezionario e delle Preghiere dei fedeli o Orazione universale, nelle lingue ufficiali dell’Ordine: italiano, inglese e spagnolo; 2. il Proprium francescano della Liturgia delle Ore; 3. Il Rituale francescano e 4. Il Martirologio Francescano.

I membri della Commissione hanno condiviso le osservazioni e i suggerimenti per le correzioni dei testi del Messale Francescano, del relativo Lezionario e delle Preghiere dei fedeli in lingua italiana, testo base da cui saranno, poi, tradotti i testi per le altre lingue sia ufficiali, sia delle varie Province dell’Ordine, salvo il testo-base dell’editio typica latina, secondo le indicazioni date dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Le Redazione del Messale, del Lezionario e delle Preghiere dei Fedeli è stata molto apprezzata e raccoglie con soddisfazione il lavoro svolto in questi anni dai membri della Commissione, con la collaborazione soprattutto delle Sorelle Clarisse del Monastero S. Chiara di S. Severino Marche e dei giovani frati della Provincia Picena S. Giacomo della Marca.

Oramai tutti i testi sono stati approntati, rimane da completare il lavoro di redazione e uniformità dei vari formulari. Si pensa di concludere il lavoro per il mese di ottobre 2016 e procedere, quindi, alla presentazione del materiale alla competente Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. I membri della Commissione hanno condiviso anche alcune scelte per il prossimo cammino di lavoro, sia a livello liturgico, sia a livello redazionale.