L’eredità di Quaracchi

Nei giorni 10-11 gennaio si è svolto in Curia Generale il primo incontro del nuovo Consiglio direttivo del Collegium Sancti Bonaventurae – International Center for Franciscan Studies and Research. È questo il nome che si è scelto per il Centro di studi erede della gloriosa tradizione di Quaracchi, poi passato a Grottaferrata e infine a Roma – S. Isidoro: al latino del nome tradizionale del Collegio degli editori di Quaracchi si è unito l’inglese del sotto-titolo, che indica la prospettiva futura. Dopo un anno di progettazione per la ristrutturazione e il rilancio di questo centro di studi, il Definitorio Generale ha nominato nello scorso novembre il Consiglio direttivo di questo rinnovato Collegium, che è formato da 4 laici studiosi del francescanesimo (Jacques Dalarun, Gerard Pieter Freeman, John McCafferty e Marianne Schlosser) e da 4 frati (fr Giuseppe Buffon, fr Johannes Freyer, fr John Puodziunas e fr Cesare Vaiani).

In questa prima riunione il Board ha eletto il proprio Presidente, che è John McCafferty; ha incontrato il Ministro Generale, che ha indicato ciò che l’Ordine si aspetta dal Collegium; ha formulato la proposta di un frate Direttore per il Collegium, che possa esserne il coordinatore e animatore; e soprattutto ha discusso e formulato indicazioni a proposito della vision e mission e dei futuri progetti di ricerca del Collegium.

La strada che aprirono i frati editori di Quaracchi circa 140 anni fa, e che ha attraversato con molti frutti il Novecento, è destinata a continuare. Buon cammino!