Un Frate irlandese riceve il più alto riconoscimento dal governo dello Zimbabwe

Ad un Frate Francescano irlandese è stato assegnato un premio postumo; il più alto onore che il governo dello Zimbabwe offra ad uno straniero: l’Ordine Reale di Munhumutapa. Nativo di Ballinacargy in Co Westmeath, Fr Paschal Slevin, è morto in maggio all’età di 83 anni, è stato onorato dal governo del Presidente Robert Mugabe per il suo lavoro a favore della popolazione dello Zimbabwe.

Si unisce a sei altri nell’Ordine Reale di Munhumutapa, cinque di essi nativi – uomini che hanno guidato le nazioni Africane all’indipendenza.

Una citazione è stata scritta dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa che elogia Fr. Slevin per le sue iniziative antirazziste nelle scuole cattoliche locali dal 1966 al 1971.

Queste includono anche la costruzione di scuole primarie e secondarie presso la Mt. St Mary’s Mission in Wedza.

Qui molti studenti sono stati finanziati con un fondo speciale di sponsorizzazione istituito dai Francescani sotto la direzione di Fr. Slevin.

Questo ha permesso a molti di completare la loro istruzione fino al terzo livello, qualificandoli per assumere posizioni di influenza chiave nella nuova nazione.

L’atteggiamento di Fr. Slevin verso la lotta di liberazione è stato ricordato come pragmatico.

Il sacerdote si è ritrovato tra le leggi stabilite dal Regime Rhodesiano e le richieste della lotta di liberazione.

Il frate è stato anche ricordato per la sua compassione per i suoi studenti nelle scuole in cui insegnava.

Sapeva che molti degli studenti delle sue scuole stavano scappando  dai combattenti e spesso ritardò a denunciarli finché non fossero saldamente in viaggio.

Ha aiutato il personale dell’ospedale di Wedza portando forniture mediche ai combattenti feriti dopo il coprifuoco.

Nel 1977, il regime di Smith chiuse le sue scuole ed espulse Fr. Slevin e altri Francescani dalla Rodesia.

Fr Slevin tornò tre anni più tardi quando lo Zimbabwe ottenne l’indipendenza.

Nel successivo decennio, ha guidato il ramo locale dei Francescani, e educato ex combattenti, e ha inoltre aiutato a sviluppare l’economia rurale locale a Wedza, costruendo un silos per immagazzinare    grano e costituendo un co-op di agricoltori.

 

Seán Dunne | Irish Times

foto: Frank Hand via herald.co.zw

Per il testo completo: www.irishtimes.com