Video: Dalla “Regola non bollata” di san Francesco (1221) 

 

In mezzo ai tanti travagli del nostro tempo, partecipi degli affanni di tanti uomini e donne nelle più diverse parti del mondo, desideriamo tuttavia mantenere accesa la fiamma ottimistica della speranza cristiana, accogliendo di cuore l’impeto grato di san Francesco che, tra le miserie del mondo, mai rinuncia a benedire il Signore «che solo è buono, pio, mite, soave e dolce, che solo è santo, giusto, vero e retto, che solo è benigno, innocente, puro, dal quale e per il quale e nel quale è ogni perdono, ogni grazia, ogni gloria» (Rnb XXIII,9).

Invitiamo tutti i membri della famiglia francescana ad unirsi a noi per commemorare l’invito di san Francesco, espresso chiaramente nella Regola non bollata, a vivere una vita guidata dallo Spirito di Dio, radicata nell’esperienza umana e aperta alle sorprendenti amore e vicinanza che Dio offre a coloro che sono disposti a permettere a Lui di essere al centro di tutta la vita.

Onnipotente, santissimo, altissimo e sommo Dio,
Padre santo e giusto,
Signore Re del cielo e della terra,
per te stesso ti rendiamo grazie! (Rnb XXIII,1).

 

Dalla Lettera dei Ministri generali francescani
per la Solennità di San Francesco d’Assisi 2020