Storia

 

San Francesco ha insegnato lo straordinario amore di Dio anche per la più piccola delle sue creature e ha parlato della meravigliosa umiltà di Dio, che ha scelto di nascere nella povertà di Betlemme, e di come ogni giorno Egli si umilia e si rende realmente presente sotto l’apparenza di un piccolo pezzo di pane sull’altare.

Nel 1209, il primo gruppo di frati andò a piedi da Assisi a Roma e, in uno straordinario esempio di come lo Spirito Santo agisce, questo gruppo di frati malconci e vestiti con abiti laceri fu ricevuto da Papa Innocenzo III, che approvò la loro norma di vita.

Il numero dei frati e delle sorelle aumentò rapidamente e, a partire dalla piccola chiesa della Madonna degli Angeli, la Porziuncola, nel corso della vita di San Francesco i frati raggiunsero e si stabilirono in tutta l’Europa. Durante quei primi anni, alcuni frati furono uccisi in Marocco, divenendo i primi martiri dell’Ordine, e Francesco si rallegrò di avere dei fratelli che avevano offerto la propria vita per Cristo. Francesco in persona si recò in Terra Santa durante le Crociate, dove ebbe un incontro con il Sultano, al quale parlò di cose spirituali.

Più tardi, sul monte della Verna ricevette le stimmate, che possono essere considerati segni esteriori della sua intensa vita di preghiera e di devozione alla Passione del Signore, oltre che conferma della suo essere alla sequela delle orme di Cristo. Nonostante gravi problemi di salute, Francesco continuò a lodare il Signore anche nel Cantico di Frate Sole, inno di lode di Dio e del creato, fino a quando sorella morte venne a fargli visita il 3 ottobre 1226.

“È morendo che si risuscita alla vita eterna.”