L’ultimo Capitolo della “Fondazione B. Egidio d’Assisi per il Dialogo e la Missione”

Nei giorni 23-26 luglio 2018 presso la Curia generale si è svolto l’VIII Capitolo della “Fondazione B. Egidio d’Assisiper il Dialogo e la Missione”. Ad esso hanno partecipato tutti e 13 i fratelli in sevizio nella Fondazione, assieme al Visitatore generale, Fr. Bruno Miele. Il capitolo ha avuto quattro momenti significativi: ascolto della Relazione del Visitatore e del Presidente, Fr. Jacopo Pozzerle; dialogo con il Ministro generale, Fr. Michael A. Perry; condivisione fra i Capitolari; celebrazione eucaristica conclusiva, presieduta dal Ministro stesso.

Fr. Bruno ha ricordato che “nella Fondazione sono confluite due vie: 1) la nuova evangelizzazione, incarnata nella ‘Fraternità missionaria europea’ di Palestrina (Italia) e di Pazin (Croazia); 2) il dialogo,vissuto dalla ‘Fraternità internazionale OFM per il dialogo ecumenico e interreligioso’ con sede ad Istanbul e Smirne. Inoltre alla Fondazione è stato affidato il compito di animazione e collegamento delleNuove forme di vita e missione”ed ha aggiunto: “in questi anni essa ha svolto un concreto servizio all’Ordine, che si traduce in iniziative, missioni popolari, corsi di dialogo, incontri a vario livello, ma soprattutto in testimonianza di ‘relazioni fraterne vissute come elemento costitutivo e caratterizzante tutti gli aspetti della vita: preghiera, lavoro e missione’, nella dinamica di una vita che si lascia guidare dalla libertà dello Spirito su piste inedite”.

Nel contesto di una ristrutturazione più ampia delle Entità dipendenti dal Ministro generale, il Definitorio generale ha deciso di sciogliere la Fondazione B. Egidio. Il Ministro generale, nel darne comunicazione, ha invitato i Capitolari a leggere questo passaggio “come la conclusione di una storia ricca e positiva, che ora prosegue in modalità e forme diverse”.

Questa decisione non ha colto di sorpresa i partecipanti, in quanto “era nell’aria” ed ha lasciato in tutti il desiderio di continuare a vivere i valori di interculturalità e fraternità sperimentati in questi anni. L’Eucaristia finale è stata vissuta come un vero rendimento di grazie!

Più volte tra i capitolari è risuonata la frase che fra Giacomo Bini – primo Presidente della Fondazione – ha pronunciato prima di morire: “la vita continua!