I Servi di Dio Tullio Maruzzo, OFM e Luis Obdulio Arroyo Navarro

Promulgazione di Decreti della Congregazione delle Cause dei Santi

Il 9 ottobre 2017, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi ed ha autorizzato il Dicastero a promulgare il Decreto riguardante il martirio dei Servi di Dio Tullio Maruzzo, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, laico del Terz’Ordine di San Francesco d’Assisi, uccisi in odium fidei  nella località di Los Amates, nel Vicariato Apostolico di Izabal-Guatemala il 1 luglio 1981.

 

P. Tullio (Marcello) Maruzzo

P. Tullio (Marcello) Maruzzo nacque a Lapio, comune di Arcugnano (Vicenza) il 23 luglio 1929. Educato in una famiglia profondamente cristiana nel 1939 entrò nel collegio serafico dei Frati Minori del Veneto a Chiampo. Emise la professione solenne nel 1951. Fu ordinato sacerdote il 21 giugno 1953. Nel mese di dicembre 1960 parti missionario in Guatemala. Campo della sua azione pastorale furono le parrocchie del vicariato di Izabal, dove con dedizione e coraggio si spese per il bene dei fedeli. Sensibile agli sfoghi dei poveri contadini che per l’angheria di pochi latifondisti si vedevano espropriati dalla terra che con fatica andavano bonificando, la sua opera di pastore si indirizzò a soccorrere la povertà dilagante, a consolare gli sfiduciati e soprattutto ad illuminare le coscienze per riaffermare con chiarezza i diritti della giustizia secondo i dettami evangelici. La sua azione pastorale assunse il valore di una denuncia profetica e coraggiosa dei soprusi dei potenti locali che ne decretarono la soppressione.

 

Luis Obdulio Arroyo Navarro

Luis Obdulio Arroyo Navarro fu il fedele compagno che il Signore pose accanto a p. Tullio nel momento dell’estremo sacrificio. Era nato a Quiriguá (Guatemala) il 21 giugno 1950. Svolgeva l’impiego di autista presso il municipio di Los Amates. All’età di 26 anni aderì al Terz’Ordine Francescano, divenendo pure catechista parrocchiale. La sera del 1 luglio 1981, sulla via del ritorno da una riunione dei Cursillos de Cristianidad, nella località di Los Amates, p. Tullio e Luis Obdulio caddero vittime di un agguato da parte di chi voleva tacitare la loro opera di evangelizzazione. La causa di beatificazione, promossa dalla Provincia Veneta dei Frati Minori, prese avvio nell’anno 2005.