Contatti
NEWS

Incontro dei Nuovi Ministri Provinciali e Custodi con il Ministro generale e il suo Definitorio

Curia generale, 13 – 21 Novembre 2023

23 Novembre 2023

Dal 13 al 21 novembre presso la Curia generale dell’OFM si è tenuto l’incontro dei Nuovi Ministri Provinciali e Custodi con il Ministro generale e il suo Definitorio.

Gli obiettivi del meeting, che ha coinvolto 21 frati provenienti da 16 paesi, erano molteplici: innanzitutto la formazione dei nuovi Ministri e Custodi per lo svolgimento del loro nuovo servizio, e poi la conoscenza personale e l’ascolto reciproco, così importante per i fratelli di tutto il mondo e per l’Ordine stesso. Questo evento ha anche permesso un incontro individuale col Ministro generale, per condividere sfide e opportunità che ogni entità porta con sé.

Nel primo giorno, Fr. John Wong, Definitore generale, ha presentato i risultati del questionario che era stato precedentemente inviato ai partecipanti: le domande riguardavano le aspettative sull’incontro, i temi da affrontare, la collaborazione con il Ministro generale, il Definitorio e gli uffici della Curia. Dalle risposte si è dedotto che le attese più condivise riguardassero la volontà di rafforzare le relazioni fraterne e istituzionali, condividere la situazione locale nelle diverse entità, migliorare la propria formazione e sviluppare le conoscenze e le competenze necessarie per poter svolgere al meglio il proprio servizio. Inoltre, da parte di molti è stata espressa la necessità di comprensione e incoraggiamento fraterno, soprattutto nei momenti di crisi, di accompagnamento e presenza fraterna nelle comunità, di dialogo e coordinamento tra i frati nelle sfide quotidiane che l’attualità presenta.

La sessione pomeridiana è stata aperta dal Ministro generale, Fr. Massimo Fusarelli, che ha presentato il tema: “Servizio di autorità come relazione: dai fratelli alle Conferenze”. Partendo dalla lettura degli Atti degli Apostoli 20, 17 – 38 nella quale San Paolo è ormai alla fine del suo Ministero, Fr. Massimo ha evidenziato come la sua storia sia una proposta sull’esercizio dell’autorità e sulla qualità della relazione: “Un’autorità in relazione impara ad affrontare la verifica come un atto dovuto. […] Educhiamoci a una cultura della verifica”, ha detto il Ministro, sottolineando anche l’importanza della condivisione e della solidarietà tra fratelli, sempre alla ricerca della “volontà di Dio”.

Il giorno seguente Fr. Darko Tepert, Segretario generale per la Formazione e Studi, e Fr. Hieronimus Dei Rupa (vicesegretario) si sono soffermati su “Il servizio del Ministro per formare attraverso e alla relazione”: partendo dalla Ratio Formationis Franciscanae  hanno ricordato l’importanza della relazione con Dio, con i fratelli, con l’Ordine e con la Chiesa, per poi sottolineare i compiti del Ministro e del Custode in materia di formazione, proponendo anche delle domande per la condivisione in piccoli gruppi e poi in plenaria.

Fr. Francisco Gomez Vargas e Fr. Dennis T. Tayo, rispettivamente Segretario e Animatore generali per le Missioni e l’Evangelizzazione, nel loro intervento “Il servizio del Ministro per evangelizzare in relazione tra noi e con gli altri”, partendo dall’Art. 51 degli Statuti Generali hanno parlato dell’evangelizzazione missionaria, delle Nuove Forme, di come riuscire ad essere una fraternità profetica, lanciando poi delle linee guida per i lavori di gruppo.

Nel pomeriggio Fr. Daniel Rodriguez e Fr. Taucen Girsang, Direttore e vice dell’Ufficio generale GPIC, hanno presentato le loro attività “Per una realtà interconnessa”, come la Rete Francescana dei Migranti e la Rete Francescana del Mediterraneo, con uno sguardo agli appuntamenti del futuro – per esempio, dal 19 al 26 maggio 2024 si terrà il Corso Internazionale per nuovi animatori GPIC presso la PUA di Roma.

Nei giorni successivi gli incontri hanno avuto come oggetto i Centenari Francescani, i Progetti della Fondazione Fraternitas dell’Ordine, i Commissariati di Terra Santa, la Pontificia Università Antonianum, la Tutela dei minori e degli adulti vulnerabili, le situazioni di conflitto fraterno e la loro gestione da parte del Ministro, la presentazione del nuovo database dell’Ordine e di alcuni uffici della curia generale, gli aspetti economici delle entità.

Molto gradito è stato il pellegrinaggio nella Valle Santa della provincia di Rieti che ha portato i fratelli nei santuari di Fonte Colombo e Greccio: un modo per essere di persona nei luoghi in cui san Francesco, 800 anni fa, scrisse la Regola Bollata e realizzò il presepe. Fr. Augustinus Kuwata, Ministro della Provincia Ss. Martiri del Giappone, ha detto di essere davvero grato a Dio per questa esperienza: “A Fonte Colombo abbiamo ricevuto da Fr. Massimo un libretto della Regola; ho potuto leggerlo in preghiera nel luogo in cui San Francesco l’ha scritta. Il secondo capitolo mi ha profondamente commosso: diceva semplicemente che coloro che desideravano essere ammessi come Frati potevano rinunciare a tutto ed essere accettati secondo il Santo Vangelo, se desideravano sinceramente questa vita, discernendo gli insegnamenti e i sacramenti della Chiesa. È stato un momento di grazia per tornare al punto di partenza della mia vocazione.

L’incontro si è concluso martedì 21 novembre con la S. Messa presieduta dal Ministro generale. Nella Festa liturgica della Presentazione della Beata Vergine Maria, Fr. Massimo ha sottolineato il messaggio di gioia che la Vergine consegna a tutti: “Possiamo vivere il nostro servizio come una possibilità di gioia e non solo di pesantezza, se coltiviamo la relazione con il Signore e cerchiamo di vivere, pensare, sentire e agire nell’ambiente vivo della fede e dell’amore e non solo in noi stessi”, ha detto nell’omelia.

 

Hanno partecipato all’incontro i fratelli delle Province o Custodie: 

Alard Krzysztof Maliszewski (P. S. Edvige, Polonia);
Antonio José Reyes López (C. Immacolata Concezione BVM, Venezuela);
Augustinus Takuji Kuwata (P. Ss. Martiri del Giappone, Giappone);
Azeem Lawrence (C. S. Giovanni Battista, Pakistan);
Benedykt Maria Świderski (P. S. Michele Arcangelo, Ucraina);
Derrick Yap (C. S. Antonio di Padova, Singapore);
Egidiusz Włodarczyk (P. Immacolata Concezione BVM, Polonia);
Fernando Valente da Silva Mota (P. Ss. Martiri del Marocco, Portogallo);
Jakub František Sadílek (P. S. Venceslao, Repubblica Ceca);
Jesús Barahona Vega (P. San Francesco di Quito, Ecuador);
John of God Nguyen (P. S. Francesco d’Assisi, Vietnam);
Jozo Grbeš (P. Assunzione BVM, Bosnia-Erzegovina);
Juraj Andrej Mihály (P. SS. Salvatore, Slovacchia)
Krzysztof Bobak (P. S. Maria degli Angeli, Polonia);
Leonard Bielecki (P. S. Francesco d’Assisi, Polonia);
Marcos Iván Saravia Orellana (P. S. Francesco Solano, Perù);
Markus Fuhrmann (P. S. Elisabetta, Germania);
Rocha da Silva, Edilson (C. S. Benedetto di Amazzonia, Brasile);
Witosław Sztyk (P. Assunzione BVM, Polonia);
Xavier Durai Raj (P. S. Tommaso apostolo, India); 
Zdravko Dadič (P. S. Croce, Bosnia-Erzegovina).

Potrebbe interessarti anche: