Il sogno e il cammino francescano @COP26 (Glasgow)

“Faccio un appello urgente… per un nuovo dialogo su come stiamo modellando il futuro del nostro pianeta. Abbiamo bisogno di una conversazione che includa tutti, poiché la sfida ambientale che stiamo vivendo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci influenzano tutti”. (LS. 14) “Il clima è un bene comune, appartenente a tutti e destinato a tutti”. (LS. 23) “La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune include la preoccupazione di riunire tutta la famiglia umana per perseguire uno sviluppo sostenibile e integrale, perché sappiamo che le cose possono cambiare.” (LS. 13) – Papa Francesco

Il virus COVID-19 ha gettato nel caos milioni di persone in tutto il mondo, causando un’ampia crisi economica. I governi di tutto il mondo hanno preso provvedimenti per salvaguardare vite e mezzi di sussistenza. Il cambiamento climatico, d’altra parte, ha persistito, e ora rappresenta una minaccia per la vita sulla terra. Per decenni, le comunità religiose sono state coinvolte in questo lavoro, e l’Enciclica Laudato Si’ ha avuto un impatto spirituale significativo. Per molti anni, l’Ufficio Generale di GPIC ha lavorato per promuovere la conversione ecologica nell’Ordine e nella famiglia francescana, partecipando attivamente alla Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) insieme alle comunità colpite dal cambiamento climatico e alla società civile.

Come risposta continuna a questa crisi climatica, JPIC-OFM, rappresentata da Fr. Angelito Cortez, OFM, affiancato da Fr. Billy Hoyne, OFM, e Fr. Gabriel Kinahan, OFM; Franciscan International rappresentata da Budi Tjahjono e Thomas Kleinveld; e i Francescani Anglicani rappresentati da Fr. Clark Berge, SSF; hanno collaborato per organizzare una delegazione alla COP26 a Glasgow, in Scozia. I francescani locali li hanno sostenuti a Glasgow e nelle città vicine, come i frati della Comunità Beato Giovanni Duns Scoto, guidati da Fr. George Smulski, OFM (guardiano). Si lavora per: aumentare la consapevolezza della giustizia climatica e delle azioni concrete; fornire un’opportunità di formazione sulla crisi climatica con i francescani locali e l’intera famiglia francescana attraverso un webinar ibrido; esprimere solidarietà attraverso il movimento per la giustizia climatica insieme ad altri gruppi di fede e organizzazioni della società civile; promuovere e celebrare lo spirito e gli insegnamenti dell’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco e ascoltare e portare la nostra spiritualità e presenza francescana in ogni attività formale e informale, dialogo e negoziati.

Con questi obiettivi la delegazione ha partecipato a diverse attività alla COP26. La prima settimana è stata intensa, con conversazioni, conferenze, preghiere e servizi religiosi, collaborando con il Comitato di Collegamento Interreligioso all’UNFCCC (ILC). L’ILC funziona come una piattaforma per le organizzazioni di fede per facilitare il dialogo e l’azione. È un’opportunità di collaborazione per l’advocacy religiosa sulla crisi climatica, coprendo tutti i pilastri dell’UNFCCC e dell’Accordo di Parigi. Nel mezzo di queste due settimane, la delegazione ha partecipato a due grandi proteste di solidarietà, giornate globali di azione con organizzazioni giovanili e di fede, come il Movimento Laudato Si’, Living Laudato Si’, e tutti gli altri settori che chiedono la giustizia climatica. Nella seconda settimana, il gruppo francescano si è unito al Summit dei Popoli. Mentre i leader mondiali si sono riuniti per discutere il futuro alla COP26, il People’s Summit ha guardato al cambiamento del sistema. Il forum ha riunito il movimento per la giustizia climatica per discutere, imparare e fare strategie per il cambiamento del sistema.

Con questo straordinario viaggio, la delegazione francescana esprime il suo appello affinché le seguenti questioni chiave siano affrontate dai leader della Chiesa e del mondo, comprese le persone di fede, come un sogno comune: advocacy; resilienza e empowerment; finanza; perdite e danni; adattamento; diritti umani; giusta transizione; scienza del clima; popoli indigeni; giovani e governance globale.

Noi, come francescani che partecipano attivamente alla COP26, sogniamo, speriamo e chiediamo che la COP26 coinvolga i gruppi di fede nei negoziati sul clima e incoraggi i nostri leader ecclesiastici a dare l’esempio e a promuovere stili di vita verdi che abbiano un impatto ambientale, come il disinvestimento dai combustibili fossili; e a creare programmi che possano equipaggiare e assistere le persone psicologicamente, fisicamente e materialmente, per affrontare l’attuale urgenza climatica.

Sogniamo, speriamo e chiediamo che la COP26 aumenti il numero di sovvenzioni invece di prestiti, ed elimini i debiti climatici, che il Sud passi dall’assistenza all’equo compenso e che la finanza climatica su larga scala consenta di consegnare e raggiungere l’obiettivo di 100 miliardi di dollari di finanziamenti; che le perdite e i danni siano affrontati efficacemente tra il Nord e il Sud del mondo in uno spirito di solidarietà e che siano messi a disposizione i finanziamenti necessari per aiutare i paesi più poveri e vulnerabili a far fronte alle perdite e alla distruzione; che l’adattamento sia al centro dell’agenda climatica e che il 50% dei quasi 100 miliardi di dollari promessi per il finanziamento del clima sia messo a disposizione del Nord per il Sud del mondo. Promuovere la responsabilità tra le parti dell’UNFCCC per i loro sforzi sul clima, specialmente per dimostrare che le loro azioni sul clima non violano i diritti umani e assicurare che il cambiamento climatico, lo sviluppo e le politiche sui diritti umani siano coerenti e creino forum per il dialogo sociale; Assicurare che i costi della transizione verso un’economia post-combustibili fossili non siano sostenuti dai più vulnerabili, in particolare attraverso la formazione della forza lavoro, la compensazione e la protezione sociale;

Sogniamo, speriamo e chiediamo che la COP26 prenda decisioni coerenti con la scienza del clima dell’IPCC e includa le organizzazioni basate sulla fede e le loro tradizioni che sostengono uno stile di vita più sostenibile; salvaguardi i diritti dei popoli indigeni nella risposta al cambiamento climatico e tenga conto della saggezza e delle visioni del mondo indigene; prenda in considerazione una prospettiva intergenerazionale nel prendere decisioni per ridurre le emissioni di gas serra e assicuri che i giovani siano rappresentati nella conversazione sul clima; Avviare un processo di progettazione e creazione di nuove istituzioni e progetti globali incentrati su un’etica di base per tutti, con un chiaro impegno a prendersi cura l’uno dell’altro in tutta la famiglia umana, promuovere una cultura di leadership etica e responsabilità nel processo decisionale dell’UNFCCC, e colmare il divario tra parole e fatti nelle decisioni sul clima dell’UNFCCC.

Mentre torniamo, portando tutto ciò che abbiamo guadagnato dal nostro viaggio e dal sogno alla COP26 a Glasgow, continueremo il nostro lavoro come francescani che si prendono cura della nostra casa comune, ricordando Papa Francesco nel suo messaggio per la COP26 “Il tempo sta per scadere; questa occasione non deve essere sprecata, altrimenti dovremo affrontare il giudizio di Dio per il nostro fallimento nell’essere amministratori fedeli del mondo che ha affidato alle nostre cure”.